Cos'è

La legge regionale Emilia-Romagna 10 marzo 2008, n. 5, recante “Promozione e valorizzazione delle botteghe storiche” prevede all’art. 3 l’istituzione dell’Albo delle Botteghe Storiche presso ogni Comune. Il Comune di Rimini, con deliberazione di Giunta n. 294 del 11/08/2009, ha attuato la disposizione legislativa regionale istituendo l'Albo Comunale delle Botteghe Storiche e dei Mercati Storici del Comune di Rimini.

L'elenco completo e aggiornato delle iscrizioni nell'Albo comunale è disponibile a fondo pagina nella sezione "servizi correlati".

A chi si rivolge

Destinatari

Possono fare richiesta di iscrizione nell'albo:

  • esercizi di commercio al dettaglio;
  • esercizi di somministrazione di alimenti e bevande;
  • imprese artigianali;
  • mercati su aree pubbliche.

Chi può presentare

La domanda di iscrizione deve essere presentata dall'impresa che gestisce l'attività insediata nella bottega.

È richiesto l'assenso del proprietario dell'immobile, se si tratta di soggetto diverso dall'impresa esercente.

Accedi al servizio

Come si fa
Adempimenti

Secondo la legge regionale Emilia-Romagna 10 marzo 2008, n. 5 sono essenzialmente tre gli adempimenti che un'impresa esegue nei confronti dell'Albo Comunale delle Botteghe Storiche e dei Mercati Storici:

  • Domanda di iscrizione: quando l'esercizio è in possesso dei requisiti previsti, per ottenere l'ammissione all'Albo

  • Comunicazione di modifica: quando il proprietario o il gestore intendono eseguire sulla bottega interventi per il restauro o la valorizzazione della struttura edilizia, degli arredi, della conformazione degli spazi interni, delle vetrine o di altro elemento di decoro. Il Comune valuta se gli interventi possano pregiudicare il possesso dei requisiti originari per l'appartenenza all'Albo, dando il proprio assenso oppure indicando in che modo correggere la proposta per mantenere la qualifica di bottega storica.

  • Richiesta di cancellazione: quando siano venute meno le condizioni per l'iscrizione ovvero quando, per qualsiasi altro motivo, il gestore o il proprietario della bottega non intendano più mantenere l'iscrizione nell'Albo.

Trasmissione

Tutte le domande e le comunicazioni verso l'Albo devono essere trasmesse mediante posta elettronica certificata alla casella

sportello.unico@pec.comune.rimini.it.

Attenzione: la casella riceve soltanto messaggi trasmessi da un'altra casella di PEC e rifiuta quelli provenienti da una casella di posta elettronica non certificata.

Modulistica

In tutti i casi devono essere utilizzati i moduli approvati e scaricabili da questa stessa pagina del sito internet del Comune di Rimini.

Il modulo di domanda di iscrizione è accompagnato da alcuni allegati, due obbligatori e uno eventuale:

  • Allegato 1 - Relazione illustrativa

  • Allegato 2 - Scheda documentaria

  • Allegato 3 - Assenso del proprietario

Inoltre, la pratica di iscrizione deve essere corredata da tutta la documentazione (fotografie, articoli, pubblicità, estratti di libri o altre pubblicazioni, ecc.) utile ad illustrare il rilievo dell'esercizio, la sua permanenza nel tempo e la rispondenza del suo attuale aspetto esteriore alle previsioni della legge regionale.

Il modulo di modifica strutturale non ha allegati obbligatori. Peraltro, siccome le modifiche da comunicare sono in sostanza interventi di una certa consistenza sulle strutture della bottega (immobile e arredi), è opportuno allegare documentazione che li illustri al meglio (copie di progetti, relazioni tecniche, ecc.).

Il modulo di cancellazione non ha allegati obbligatori.

Per tutti i moduli vale la regola secondo la quale in caso di firma autografa occorre trasmettere copia semplice di un documento di riconoscimento in corso di validità.

Cosa serve

Condizioni previste dalla legge regionale 5/2008 per l'iscrizione all'Albo Comunale delle Botteghe Storiche e dei Mercati Storici

Per acquisire la qualifica di "Bottega Storica", gli esercizi commerciali al dettaglio, di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande e le imprese artigianali devono soddisfare tre condizioni:

  1. Svolgimento da almeno 50 anni continuativi della stessa attività, nello stesso locale (o area pubblica) e con le stesse caratteristiche originarie.

    I locali di esercizio devono avere accesso su area pubblica o gravata da servitù di pubblico passaggio.

    Sono irrilevanti i cambi di proprietà, di gestione, di denominazione, di insegna, purché le "caratteristiche originarie" dell'esercizio siano mantenute.

    Non sono irrilevanti, invece, i cambi di indirizzo civico: se si verifica uno spostamento, il conteggio del periodo di attività deve ripartire da zero, salvo che il trasferimento sia avvenuto per cause di forza maggiore o per ampliamento, ed in locali adiacenti o nelle immediate vicinanze della sede originaria.

    Il periodo minimo di attività passa da 50 a 25 anni quando si tratta di esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande con la denominazione di "Osteria" (la deliberazione della Giunta del Comune di Rimini n. 294 del 2009 ha stabilito di assimilare alle "Osterie" anche gli esercizi di somministrazione con denominazione diversa ("Birreria", "Enoteca", ecc.) in quanto attività significative per la tradizione locale).
     

  2. Radicamento nel tempo dell'attività, evidenziato da un "collegamento funzionale e strutturale degli arredi con l'attività svolta".

    La stabilità dell'esercizio nel luogo in cui è insediato deve risultare palese dall'aspetto degli arredi e dalla loro conformazione.
     

  3. Caratteristiche esteriori proprie della "Bottega Storica": nei locali o nell'area devono trovarsi "elementi di particolare interesse storico, artistico, architettonico e ambientale", oppure "elementi particolarmente significativi per la tradizione e la cultura del luogo". La presenza di questi elementi distintivi non deve necessariamente essere preponderante sotto un profilo "quantitativo", ma deve offrire ad un visitatore, senza che questi sia dotato di particolari conoscenze tecniche o specialistiche, chiara visibilità del loro collegamento con l'attività svolta e suggerire in modo evidente il senso del radicamento nel tempo dell'esercizio commerciale.

Il provvedimento con il quale è disposto l'accoglimento della domanda di iscrizione deve attestare la ricorrenza di ciascuna delle tre condizioni in capo al richiedente. A questo scopo, è necessario porre la necessaria attenzione nella compilazione dei moduli di domanda e nella predisposizione della documentazione a corredo. È in particolare la relazione illustrativa a dover dare conto:

  1. della storia dell'esercizio, soprattutto per i periodi che non fosse possibile documentare con visure dal Registro delle Imprese o dal preesistente Registro delle Ditte (attivo presso le Camere di commercio dal 1934);

  2. della motivazione di eventuali trasferimenti per cause di forza maggiore o di ampliamento;

  3. del collegamento funzionale e strutturale degli arredi con l'attività svolta;

  4. degli elementi di particolare interesse (storico, artistico, architettonico, ambientale) oppure di particolare significatività per la tradizione e la cultura del luogo.

Costi e vincoli

Gli adempimenti nei confronti dell'Albo comunale delle Botteghe Storiche e dei Mercati Storici di Rimini non sono soggetti al pagamento di diritti di segreteria al Comune. Con deliberazione n. 109 del 23 aprile 2019 la Giunta comunale ha soppresso il diritto di segreteria previsto per l'iscrizione, che ammontava a 150,00 €.

La domanda di iscrizione e la richiesta di cancellazione sono soggette a imposta di bollo nella misura di 16,00 €.

L'imposta si assolve acquistando un contrassegno e inserendo la data di emissione e il codice identificativo nei campi rispettivi del modulo. Se si procede alla stampa e alla successiva scansione del modulo, il contrassegno deve essere incollato nello spazio apposito della prima pagina. In caso di compilazione a computer e firma digitale, invece, l'immagine digitalizzata del contrassegno può essere semplicemente trasmessa tra gli allegati alla domanda, senza bisogno di applicarla nella prima pagina del modulo.

Tempi e scadenze

  • La domanda di iscrizione può essere presentata in qualsiasi momento, da quando sono trascorsi 50 anni continuativi dall'avvio dell'esercizio in poi.

  • La comunicazione preventiva di modifica strutturale deve essere presentata tenendo conto che il Comune ha 90 giorni di tempo per esprimersi, eventualmente chiedendo adeguamenti al progetto.

  • La domanda di cancellazione può essere presentata in qualsiasi momento, quando sono venuti meno i requisiti di bottega storica oppure, semplicemente, l'intenzione di mantenere l'iscrizione.

Ulteriori informazioni

Riferimenti normativi:

Immagine
Logo Bottega Storica del Comune di Rimini

Area di riferimento

Uffici

Gestione amministrativa e sostegno alle attività economiche
Via Francesco Rosaspina 7, piano 4 - 47923 Rimini
Orari:

Secondo le vigenti misure di contenimento dei contagi da covid-19, l'accesso del pubblico è vietato per qualsiasi operazione che possa essere svolta a distanza (telefono, posta elettronica, videoconferenza) ed è in ogni caso soggetto a regole e limitazioni.

È pertanto richiesto appuntamento con il personale.

lunedì 10:00 - 13:00
martedì 10:00 - 13:00
giovedì 10:00 - 13:00
venerdì 10:00 - 13:00

Telefono:

+39 0541 704671 (Funzionario Giuseppe Mazzarino)
+39 0541 704362 (Protocollo Luigi Luisé, Mariachiara Giavolucci)

Email:
attivita.economiche@comune.rimini.it
PEC:
sportello.unico@pec.comune.rimini.it

Ultimo aggiornamento

28/05/2021, 12:04