Mestieri vari e girovaghi, artisti di strada

Per esibirsi come come artisti di strada, saltimbanco, suonare o cantare, ecc. in luogo pubblico in maniera itinerante, al momento si deve rispettare l'art. 29 del Regolamento di Polizia Urbana.

Cos'è

Fatto salvo quanto disposto dall'art. 121 del R.D. 18 giugno 1931 n. 773, (T.U.L.P.S.), l'esercizio di mestieri girovaghi è soggetto ai limiti e divieti dell'art. 29 del regolamento di Polizia Urbana

il mestiere girovago può essere svolto, nello stesso luogo, per periodi non superiori ai 60 minuti e le soste possono essere fatte solo in luoghi che distino tra di loro 500 metri.
Se la sosta si prolunga per più di un'ora è necessario richiedere l'autorizzazione/concessione per l'occupazione di suolo pubblico e pagare la relativa tassa. 
Tale attività è vietata:
- nel periodo 1 maggio - 30 settembre di ogni anno, nella parte di territorio comunale a mare della linea ferroviaria;
- in corrispondenza o in prossimità di intersezioni stradali con o senza semaforo;
- di fronte a vetrine ed ingressi;
- in Corso d'Augusto, in Via Garibaldi.

In deroga ai limiti ed ai divieti di cui al presente articolo, l'esercizio di mestieri girovaghi è ammesso, previa autorizzazione rilasciata dal Servizio Affitti e Concessioni nell'ambito di manifestazioni culturali, di accoglienza turistica, promo-pubblicitarie e analoghe, autorizzate dal Comune.

 

A chi si rivolge

Destinatari

Artisti di strada

Ultimo aggiornamento

09/09/2021, 15:10